La chiesa di Santo Stefano di Rendena

LA CHIESA DI SANTO STEFANO DI RENDENA

All’imbocco della Val di Genova, nella splendida cornice del parco naturale del Brenta e dell’Adamello nel Trentino occidentale, si trova l’antica chiesa di Santo Stefano di Carisolo.

Collocata su uno sperone roccioso, a picco sul fiume Sarca, essa domina tutta l’alta Val Rendena. Le austere linee architettoniche del sacro edificio cimiteriale fanno da contrappunto alla rigogliosa vegetazione circostante conferendo al luogo un’atmosfera di grande pace e di intensa spiritualità. Autentico scrigno dell’arte alpina, qui troviamo numerosi affreschi, sia all’esterno che all’interno dello storico edificio, che sono opera, per lo più, dei Baschenis di Averara,

laterale della Val Brembana. Questa stirpe di pittori girovaghi, di origine bergamasca, operò a lungo nelle valli lombarde e trentine attorno al 1500. La loro opera, da un lato, aveva lo scopo di illustrare al popolo il mistero della Salvezza, presentando le Sacre Scritture e la vita dei Santi e, dall’altro, di richiamare l’uguaglianza degli uomini di fronte alla morte, attraverso le famose “danze macabre”.

Il Privilegio
di Santo Stefano

All’interno della chiesa, accanto alle immagini del Cristo, degli Apostoli e della Vergine, figura un mirabile affresco, che apparentemente non ha nulla a che spartire con il resto delle composizioni pittoriche, ma che suscita fascino e curiosità.
Si tratta della rappresentazione dell’antico “Privilegio di Santo Stefano di Rendena”, che descrive il leggendario passaggio di Carlo Magno attraverso le montagne camune e trentine. Il famoso condottiero franco è accompagnato dal Papa, da sette vescovi, nobili, monaci e guerrieri, alla testa di un esercito di ben “quattromila lance”. La lunga scritta murale, proprio alla base del grande affresco, è unica in Europa e risale a tempi molto antichi. Essa descrive minuziosamente la leggendaria spedizione del re franco da Bergamo in Valle Camonica ed in Trentino.

Il richiamo alle “chansons de geste”

La scritta del Privilegio di Santo Stefano di Rendena è tratta da antiche pergamene alcune delle quali ancora visibili a Bergamo e a Carisolo.
Non esiste una prova decisiva rispetto al passaggio di Carlo Magno, ma il riferimento a paesi , chiese e località, anche molto piccole e marginali, è molto preciso e dimostra che chi ha redatto il documento conosceva bene il percorso sia in Valle Camonica che in Trentino. Il parere degli storici è controverso, ma il documento è ripetutamente certificato da molti notai, in epoche diverse, fin dal 1446 con il notaio Gratiadeus di Bolbeno.
Secondo lo storico camuno Alessandro Sina potrebbe essere stato redatto nel XIV secolo seguendo l’influsso delle “chansons de geste” francesi.
Infatti, si legge nell’antico scritto, che Carlo Magno, dopo aver consultato i suoi comandanti, decise di andare verso i monti di Blaye. Questa zona, non ancora ben individuata, è il nome della cittadina francese, alle foci della Gironda, dove la leggenda dice sia sepolto il prode Orlando, paladino caduto al passo di Roncisvalle, nei Pirenei, durante una ritirata dell’esercito di Carlo Magno.
Ma il nome potrebbe riferirsi anche alle vette di Bles, sopra Vione in Valle Camonica, dov’era situata una fortezza longobarda, castel Polagra, che dominava tutta la valle.

TESTO MURALE

Privilegio di Santo Stefano di Rendena, sottostante all’affresco di Carlo Magno nella chiesa di S.Stefano a Carisolo.

Testo originale

Hec est copia previlegi Sancti Stefani de Randena. Carulus Magnus de Francia consuluit Conscilium Suum consolè causa veniendi in montes blaye, et ducebat secum quatuor mile lanceas et veniebat ad civitatem Bergami de qua erat dominus unus qui nominabatur dux lupus qui erat paganus. Et predictus Carulus certabat secum causa convertendì ipsum.
Qui dux cepit Sandrum et multos alios qui fecit eos decapitare, et qň decapitaverunt Sandrum • VI • cerei ardentes nullo eos tenente apparuerunt ej duci et gentibus constantibus et campane per dey gratiam et sine aliquo auxilio mundano pulsaverunt. Et hoc fuit per signum sanctitatis predicti Sandri et viso isto miraculo predictus dux lupus cum tota sua gente conversus est ad catolicam fidem. Qui predictus dux lupus post modum venit cum predicto Carulo Magno ad unum castelum quod vocatur Sanctus Ioannes de calla, in quo castelo morabatur unus, qui nominabatur alorus. Qui alorus iudeus cum vidit tantam gentem circumstantem suo castelo conversus est ad Christi fidem. Qui predictus alorus misit unam Sacerdotem ad unum castelum quod dr Castelum Amoni cujus castellum erat unus qui nominabatur lamideus judeus. Et predicta Sacerdos tractavit prodictionem valis oriole que fidelis erat. Et predictus Carulus venit in valem oriolam et ivit ad unum castelum quod vocabatur jesen, cujus casteli erat dominus unus judeus qui nominabatur hercules, quem Carulus interfecit quia noluit converti se. Et ibi fecit hedificare unam ecclesiam ad honòrem Sancte Trinitatis, cui eclesie VII episcopi concederunt XL dies indulgentie pro singulo et dominus pontifex concessit mile et quingentos annos indulgentie. Et predictus Carulus recessit et ivit ad portam blasie, et ibi erat unus castelanus qui nominabatur judeus qui nolebat credere catholice fidey. Et Carulus certavit et destruxit eum et ibi fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti Stefani et predicti VII episcopi concederunt XL dies indulgentie pro singulo singula die. Et predictus pontifex Urbanus concedit singulo die dominico LXX dies indulgentie. Et ad huc Carulus ivit super unum monticulum, et episcopus tripinus ferebat visilum super illum monticulum. Et ibi Carulus fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti petri cuchi. Et post modum venit ad unum castelum quod vocabatur braitinus in quo morabatur unus qui nominabatu rex cornerus et erat judeus qui nolebat se converti ad fidem catolicam. Et Carulus certavit secum et eum destruxit et ibi fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti Ioannis Et predicti VII episcopi concederunt XL dies indulgentie singula die pro singulo Et predictus pontifex Urbanus concedit quingentos annos omni festo principali. Et post modum venit ad unum alium monticulum Et ibi fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti Clementis Et VII episcopi concederunt XL dies indulgentie pro singulo singula die Et predictus pontifex urbanus concedit sexcentos annos indulgentie omni die dominico. Qui predictus Carulus ivit super unum montem et ibi Cristiani cum iudeis et cum paganis fecerunt magnum belum. Et qua perierunt multi fideles et plurees infideles. Carulus posuit sibi unum nomen quod dr Mortarolus. Et ad huc ivit ad unam contratam q. dr. Amon. Et ibi fecit edificari unam ecclesiam ad honorem Sancti bricij et predicti VII episcopi concederunt XL dies indulgentie pro singulo singula die. Et predictus pontifex urbanus concedit novem centos annos indulgentie omni die veneris et omni festo Sancte Marie et in festo Sancti bricij. Qui dictus Carulus ivit ad unam terram que vocat adavena Et ibi fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti Michaellis et Sancti Georgij. Et post modum fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti Sandri. Et predicti VII episcopi concederunt XL dies indulgentie pro singulo singula die. Et predictus pontifex Urbanus concedit quatuorcentos annos indulgentie in die Sancti Sandri. Et ad huc in capite illius valis fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancte Trinitatis p. Sanctum Iohanem de Cala et p. castelum amoni valis oriola predidit suum nomen. Et ad huc predictus Carulus pertransivit montem toni et venit ad unam terram que vocatur plezan. Et ibi interfecit magnam quantitatem paganorum et iudeorum. Et ibi predictus epus tripinus posuit visillum et qň episcopi venerunt extra ecclesiam invenerunt astam visili que floruerat. Et predicti VII epi concederunt XL dies indulgentie pro singulo et dominus pontifex urbanus extraxit suam cirotecham et fecit impleri arena et concedit omni die Sante Marie tot annos indulgentie quot arene grana insteterunt cirotece. Qui predictus Carulus pertransivit quandam valem que vocatur valiana Et venit ad unum montem qui vocatur Moschera et venit in valem randene, et misit dicere majori judeo q. aut debet in cristianam fidem credere, aut redere castellum. Et cum sensit novum recessit et ivit ultra mare. Et facto mane Carulus deiecit Castellum. Et ivit ad unum castellum quod vocatur pelucus. Cuius casteli erat dominus unus qui nominabatur Catanius judeus qui conversus fuit ad Christi fidem. Et Carulus deiecit castelum. Et fecit edificare unam ecclesiam ad honorem Sancti Zenonis. Et predicti VII episcopi concederunt XL dies indulgentie pro singulo singula die. Et venerunt ad Eccliam Scti Stefani, et ibi baptizaverunt maximam gentem. Et pdicti VII Epi concederunt XL dies indulgentie pro singulo singula die.
Antonius de Solerio habuit gratiam de mile et quingentis annis indulgentie pro eclesia Sancti Stefani de Randena omni dominico primo mensis, et omni festo principali quia stetit septem annis secum pro suo damicello. Predictus Carulus explevit convertire omes paganos et judeos ad eccliam Sancti Stefani, et ibi dimisit unum librum, in quo continebantur omnia que fecerat per universum. Et post modum recesit cum sua gente, et ivit in blaviam :∙ Carulus Imperator et pontifex Urbanus Et prenominati septem episcopi concederant suprascriptam indulgentiam prenominatis ecclesiis sub annis domini nostri Yhu Christi currentibus quatuorcentessimo vigessimo nono.

Testo tradotto

“Questa è la copia del privilegio di Santo Stefano di Rendena.
Carlo Magno di Francia consultò i suoi comandanti per decidere di andare fra i monti di Blaye (Blasiae a S. Giovanni di Cala, Blaxe manoscritto don Luigi Brescianelli) e portava con sé quattromila lance. Veniva verso la città Bergamo (Pergami don Luigi Brescianelli), della di quale era signore uno che si chiamava Lupo, che era pagano; e il suddetto Carlo combatteva con lui per convertirlo. Questo duca prese Sandro e molti altri, e li fece decapitare. E dopo aver decapitato Sandro, sei ceri ardenti, non sorretti da alcuno, apparvero a lui e alle persone presenti e le campane suonarono per grazia divina, senza alcun aiuto umano. E questo avvenne come segno della santità del predetto Sandro. E visto questo miracolo, il predetto Lupo si convertì alla fede cattolica con tutta la sua gente.
Questo predetto Lupo poco dopo venne col predetto Carlo Magno ad un castello che si chiama San Giovanni di Cala; in quel castello dimorava uno che si chiamava Aloro (Alorius manoscritto don Luigi Brescianelli, Aloisius a Pellizzano); questo Aloro, giudeo, quando vide tanta gente circondare il suo castello, si convertì alla fede di Cristo.
Questo predetto Aloro mandò una sacerdotessa al castello che si chiama castello di Amoni (Amon a S. Giovanni di Cala), del quale era signore uno che si chiamava Lamideo (Lamidesius a Pellizzano, Lacriboecius a S. Giovanni di Cala, Lamiclexius don Luigi Brescianelli), giudeo. La predetta sacerdotessa condusse trattative per la valle Oriola che era fedele.
E il predetto Carlo venne in Valle Oriola dove c’era un castello che si chiama Jesen, di cui era signore un giudeo, Ercole, che Carlo uccise, perché non voleva convertirsi. E lì fece edificare una chiesa in onore della S. Trinità, alla quale sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza, e il pontefice concesse 1500 anni di indulgenza.
Il predetto Carlo ritornò indietro, andò alla porta Blasie (Portum a Pellizzano, Pontem a S. Giovanni di Cala e don Luigi Brescianelli), e lì vi era un castellano che si chiamava Giudeo (Videus a Pellizzano) che non voleva credere alla fede cattolica. Carlo combattè e lo distrusse, ed ivi fece edificare una chiesa in onore di S. Stefano, e i predetti sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciscuno per ogni giorno. E il predetto pontefice Urbano (Adriano a S. Giovanni di Cala) concesse 70 giorni di indulgenza il giorno di domenica (A S. Giovanni di Cala e nel manoscritto di don Luigi Brescianelli si cita il passaggio a Berzo presso la chiesa di S. Lorenzo).
Poi Carlo andò sopra un monte, e il vescovo Turpino portava il vessillo sopra quel monte. E lì Carlo fece una chiesa ad onore di S. Pietro cuchi (zuchi a S. Giovanni di Cala, çuchi don Luigi Brescanelli).
Poco dopo venne ad un castello che si chiamava Braitinus (Brautius don Luigi Brescianelli) in cui dimorava uno che si chiamava re Cornero; era giudeo, e non voleva convertirsi alla fede cattolica. Carlo combattè con lui e lo distrusse e ivi fece edificare una chiesa in onore di S. Giovanni. I predetti sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciascuno per ogni giorno; il predetto pontefice Urbano (solo pontefice senza il nome a S. Giovanni di Cala e don Luigi Brescianelli) concesse 500 anni in ogni festa principale (A S. Giovanni di Cala e nel manoscritto di don Luigi Brescianelli si dice che Carlo venne in una contrada chiamata Cemmo facendo edificare la chiesa di S. Salvatore e nel manoscritto Brescianell anche la chiesa di S. Siro).
E dopo un po’ giunse ad un altro monte, e vi fece edificare una chiesa in onore di S. Clemente (non ne parlano i manoscritti di S. Giovanni di Calae di don Luigi Brescianelli). I sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciascuno per ogni giorno; il pontefice Urbano concesse 600 anni di indulgenza ad ogni domenica.
Il predetto Carlo andò sopra un monte, dove i cristiani coi giudei e coi pagani fecero una grande guerra. E poichè perirono molti fedeli e parecchi infedeli, Carlo pose a quel luogo il nome, Mortarolo (Mortirolis a S. Giovanni di Cala e Morterolum nel manoscritto Brescianelli).
Andò poi in una contrada che si chiama Amon. E lì fece edificare una chiesa in onore di S.Brixio i predetti sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciscuno per ogni giorno; il predetto pontefice Urbano concesse 900 anni di indulgenza ogni venerdì e ogni festa di S. Maria e per la festa di S. Brixio.
Il detto Carlo andò in una terra chiamata Davena, e vi fece edificare una chiesa in onore di S. Michele e S. Giorgio.
Poco dopo fece edificare una chiesa in onore di S. Sandro. I predetti sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciscuno e per ogni giorno; il predetto pontefice Urbano concesse 400 anni di indulgenza nel giorno di S. Sandro.
E anche in capo a quella valle fece edificare una chiesa in onore della S. Trinità (qui si fermano i manoscritti di S. Giovanni di Cala e di don Luigi Brescianelli che invece a questo punto fanno il nome dei sette vescovi. A San Giovanni di Cala: vescovo Turpinus, Corradus Cordieusis, Redulphus Colgabiensis, Julielmus Portugalen, Antonius Gurdigale, Arnoldus de Aristano, Rainerius de Pisis. Nel manoscritto Brescianelli: vescovo Trepimus, Conradus Cardinalis, Radulfus Sagrabiensis, episcopus Portagaliensis, Antonius Burdiensis, arnoldus Attistadiensis, episcopus Raynerius); per S. Giovanni di Cala e per il castello di Amoni, della valle Oriola, tramandò il suo nome. Ancora il predetto Carlo attraversò il monte Toni, e venne in terra che si chiama Plezan. E lì vi era una grande quantità di pagani e giudei. E lì il predetto vescovo Turpino piantò il vessillo, e quando i vescovi vennero fuori dalla chiesa, trovarono che l’asta del vessillo era fiorita. I predetti sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciascuno; il pontefice Urbano estrasse il suo guanto, lo fece riempire di sabbia, e concesse ogni giorno di S. Maria tanti anni di indulgenza quanti granelli di sabbia erano nel guanto.
Il predetto Carlo attraversò una valle chiamata Valiana,e giunse a un monte che si chiama Moschera e giunse nella valle Rendena; e mandò a dire al maggior giudeo che doveva o credere alla fede cristiana, o consegnare il castello. Questi si ritirò e andò oltre il mare (gli studiosi sostengono che si tratta del Lago di Garda, ma potrebbe anche aver raggiunto Bisanzio come già aveva fatto Adelchi figlio del re longobardo Desiderio). La mattina Carlo distrusse il castello. Andò ad un castello che si chiama Pelugo, di cui era duca uno che si chiamava Catanio, giudeo, che si convertì alla fede di Cristo. E Carlo abbattè il castello e lì fece edificare una chiesa in onore di S. Zenone. E i predetti sette vescovi concessero 40 giorni di indulgenza a ciascuno per ogni giorno.E vennero alla chiesa di S.Stefano e vi battezzarono moltissima gente.
E i predetti sette vescovi concessero quaranta giorni di indulgenza per ogni persona e per ogni giorno di visita.
Antonio de Solerio ebbe grazia di 1500 anni di indulgenza per la chiesa di S. Stefano di Rendena ogni prima domenica del mese e ogni festa principale, perché stette sette anni con lui come suo paggio. Il predetto Carlo finì di convertire tutti i pagani e i giudei alla chiesa di S. Stefano e lì lasciò un libro in cui era contenuto tutto ciò che aveva fatto in ogni luogo. Poco dopo ritornò con la sua gente e andò in Blavia.
Carlo imperatore e il pontefice Urbano e i prenominati sette vescovi concessero la sopra scritta indulgenza alle prenominate chiese, correndo gli anni di Nostro Signore Gesù Cristo 429.
(Trascrizione del Privilegio della chiesa di Santo Stefano, integrato con manoscritti di Pellizzano, di S. Giovanni di Cala e di don Luigi Brescianelli citati dallo storico camuno Alessandro Sina, a cura di Luciano Imperadori)